Chi siamo

RINALDO DORO

Rinaldo Doro nasce a Chivasso nel 1959 e comincia ad interessarsi di musica a dodici anni, avvicinadosi allo sudio del pianoforte classico. Inizia a frequentare il rock progressivo e il garage rock nei primi anni ’70. Nel 1978 incontra il “Coro Bajolese” ed Amerigo Vigliermo ed inizia il suo percorso di ricerca e riproposta della musica del Canavese. Entra a far parte di diversi gruppi sia come fondatore (Ombra Gaja, Ariondassa, Esprit Follet) che come collaboratore (Refole’, Tre Martelli, Grande Orchestre des Alpes, Tsarrye, Teatro Regio di Torino). Ha tenuto concerti, conferenze e stages in Italia, Svizzera, Francia, Spagna, Germania, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Gran Bretagna, Finlandia, Ucraina e U.S.A. Ha partecipato a numerose incisioni discografiche, programmi radiofonici e televisivi. I suoi strumenti di elezione sono l’organetto diatonico e la ghironda, anche se non disdegna “mettere mano” anche all’ “Epinette des Vosges”, alla cornamusa e… a tutto ciò che produce suono. Attualmente è socio-ricercatore del C.E.C. (Centro Etnologico Canavesano) di Bajo Dora (TO) e contribuisce all’ archivio sonoro del Centro con una collezione di circa un centinaio di strumenti musicali e oltre trentamila spartiti, sia a stampa che manoscritti, riguardanti la musica tradizionale del Canavese.
Nell’ aprile 2014 è uscito il suo primo libro “Sonador da Coscrit e da Quintèt – ” (Ed. Atene del Canavese) concernente la Musica Popolare e i suoi protagonisti tra Canavese e Valle d’Aosta. Nel 2016dell’editore www.atenedelcanavese.it